Hari è un bambino di circa due anni che è stato trovato a mendicare per strada, in compagnia di un uomo ed una donna, che poi si è scoperto non essere i suoi genitori ne’ lontani parenti. 

Hari è un bambino che è stato rapito o venduto per pochi soldi e che proprio per questo non può essere adottato. Hari è un bambino sospeso, un bambino invisibile.

Nella casa di bambini senza famiglia in cui è stato accolto viene chiamato: il bambino senza sorriso.

Hari infatti non sa sorridere, non lo ha mai fatto.

 

Riflettiamo un momento: 

a quanti giorni abbiamo scorto il primo sorriso del nostro bambino? 

Hari, a due anni o forse anche tre, non sa sorridere.

 

Durante il nostro viaggio in India abbiamo visto tante brutture, ma a questa Stefano non voleva proprio credere. Lui che, con il suo sorriso aperto, sincero, contagioso - un sorriso che non ha perso fino al suo ultimo giorno di vita; un sorriso che ha distribuito agli amici, alla famiglia, agli sconosciuti con la stessa ineguagliabile generosità - conquistava tutti; non poteva credere che al mondo esistesse un bambino che non SA sorridere.

Poi però Leonardo, nel candore dei suoi sette anni disse: ‘Papà, ma Hari perché dovrebbe sorridere?!’

 

Ecco, da qui partiamo, dalla storia del bambino che non sa sorridere o che forse semplicemente non ha mai avuto un motivo per farlo, perché il ricordo dell’ottimismo contagioso di Stefano Riccio permetta a molti bambini come lui di avere un motivo, piccolo, futile, passeggero per sorridere.

Esistono storie a cui nessuno crederebbe se non le vedesse con i propri occhi.
 
Esistono storie che non possono non far spegnere il sorriso sul viso di chiunque.

Le imprese, , dovrebbero essere felici di fornire i loro scarti ed una solida e sorridente catena di solidarietà a cui certamente potremmo riferirci dovrebbe produrre e vendere beni che vadano a finanziare il sorriso dei bambini, sorriso del quale Stefano si nutriva giorno dopo giorno.

 

E così speriamo che il sorriso di Stefano risuoni e risplenda nel sorriso di tutti ovunque essi siano e ovunque lui sia.

Si può partecipare alla sorridente catena di solidarietà con varie modalità, come:

•    finanziatore;

•    fornitore di scampoli;

•    produttore di beni;

•    venditore dei beni prodotti.

Oggi questo progetto è teso alla costruzione della prima area ludico creativa che viene immaginata per i bambini sospesi, ossia per quei bambini che non hanno famiglia e che per problemi lontani dalla logica non la potranno avere mai; bambini costretti a vivere una vita senza famiglia.

Siamo certi che questa struttura per il gioco sarà fonte di tanti sinceri e contagiosi sorrisi.

:)

Luogo: Edappadi (Tamil Nadu, India)

Funzione: Ludo-biblioteca

Metri quadri: 55

Donatori: Autofinanziamento

Beneficiario: Terre des Hommes Core

Costo: 15000 €

Anno: 2017 - ....

Progresso lavori: Raccolta fondi |10%|

10%

già finanziato!

© 2014 Made In Earth ONLUS                   Via Crispi n°74 - 80121 - Naples, ITALY     ph. (+39) 081 764 9218

  • mail copia.PNG
  • Facebook Clean
  • Google+ Clean